16 settembre 2022 ore 21
OFF TOPIC – CUBO TEATRO

MADRES
RACCONTI DA PLAZA DE MAYO

con Olivia Manescalchi
Miguel Angel Acosta | chitarra
Davide Pecetto | bandoneón
Alberto Giolitti | disegno luci
Monica Luccisano | testo e regia

INGRESSO GRATUITO
» PRENOTA QUI

DONAZIONE:
BONIFICO BANCARIO
CC dedicato intestato a: Tékhné APS
c/o Banca Popolare Etica sede di Torino, Via Saluzzo 29
IBAN IT94P0501801000000016899031

SATISPAY
Tékhné

 

 

 

Due donne – una Madre di Plaza de Mayo, nella sua cucina, mentre prepara una torta rustica e racconta le memorie del suo strazio, e una giovane figlia, sequestrata e imprigionata in un loculo, torturata e infine uccisa in uno dei terribili “voli della morte”, una figlia “desaparecida” che in condizioni terribili e disumane diventerà a sua volta madre – raccontano, senza mezzi termini ciò che le separa e le unisce nonostante tutto. L’amore, il legame tra una madre e una figlia, e la visione della morte. Due sguardi di donna sui fatti terrificanti che ha connotato il tempo della dittatura argentina (1976-1983), la scomparsa dei propri figli, i sequestri, le torture, e le sparizioni, con i funesti “voli” nel fondo dell’oceano. Due voci intense, piene di verità. Due voci femminili che si fanno testimoni, intrecciate nel dolore, nella rivendicazione, nella memoria, nel terrore e nel coraggio. E intorno a loro si muovono le madri di Plaza de Mayo, con la loro risolutezza, la loro continua, inarrestabile lotta umana e politica. Trascorrono venti anni: un percorso che diventa via via grido lacerante, strazio dell’anima, impeto delle sensazioni, con una domanda viscerale di verità, giustizia e memoria collettiva. L’evocazione della dittatura militare, del terrore di quel tempo, del dramma delle madri di Plaza de Mayo, delle atrocità dei carnefici, si consumano tra angoscia e liricità, una crudeltà inaudita e una genuina bellezza, tra ricordi e abissi della memoria.